LA TRADIZIONE HERMETICA

Giuliano Kremmerz e la Schola Italica

SITO INDIPENDENTE DEDICATO ALLA RICERCA E ALLA CONOSCENZA DISINTERESSATE DELLA VERITA' INIZIATICA

LA TRADIZIONE HERMETICA

Lo Zen e la Spada - 9 luglio

Visite: 900

Come dirigere il nostro spirito? Ciò riguarda lo Zen più che le Arti Marziali. E' l'essenza dello Zen.
Lo Zen e le Arti Marziali hanno la medesima disposizione e sono un’unità.
Il segreto del non-movimento è il segreto del Budo. Tutte le azioni sono create liberamente dal non-movimento. Non vincere, ma non essere vinto. E' il punto chiave, non solamente nelle Arti Marziali, ma anche nella nostra vita quotidiana.

Leggi tutto: Lo Zen e la Spada - 9 luglio

Riflessioni su Solstizio e Iniziazione, di Pier Luca Pierini R.

Visite: 1131

Il solstizio d’estate, la celtica Litha o Midsummer-eve, costituisce il punto di massima esaltazione del Sole, culmine del suo percorso ascensionale, iniziato con il solstizio d’inverno, e spartiacque tra ciclo crescente e discendente della sua luce e della sua influenza, sia in senso astronomico, sia ermetico.
 Simbolicamente corrisponde alla parte superiore della “coppa” dei Tarocchi e, analogicamente, si traduce nel vertice dello scettro solstiziale che regge la ruota o cerchio dell’anno e nel mezzogiorno astro-esoterico, o luna piena del calendario lunare.

Leggi tutto: Riflessioni su Solstizio e Iniziazione, di Pier Luca Pierini R.

Solstizio: Sul Mistero della Luce Aurorale, di Roberto Incardona

Visite: 1159

Arturo Reghini, delineando attraverso un sapiente studio etimologico “l’arcaica maturità fi­losofica di quel grande popolo proto-ario, di cui la filologia sta delineando l’esistenza ed i carat­teri, pure senza potere stabilire la sede e senza affatto pretendere di attribuire ad una delle lin­gue sorelle una primogenitura”, dava un particolare rilievo alla voce “aurora”, di cui scriveva: “La parola aurora dall’antico ausosa ed aura cioè splendore, ed il grecoéόs ed aura, aria mattinale, ed il sanscrito ushậ, aurora, provengono tutti dalla radiceush che significa bruciare, ìn latino uso e poi, per il solito fenomeno di rotacismo, uro;radice ancora visibile nell’italiano ustione. Ushậ significa in sanscrito anche combustione, ed ush è la luce del mattino, ed il tedesco östan e l’in­glese east per indicare il punto cardinale dove spunta l’aurora vengono probabilmente dalla stes­sa radice”(1). Fatti linguistici, questi, che testimoniano come le antiche tradizioni religiose e sa­pienziali d’Oriente e d’Occidente, hanno, seppure in forme e modi diversi, attribuito al mo­mento aurorale un importante significato simbolico e sacrale.

Leggi tutto: Solstizio: Sul Mistero della Luce Aurorale, di Roberto Incardona

Solstizio - Parte Prima: La Gioiosa Festa di Helios, di Maurizio Rossi

Visite: 1096

La riscoperta delle Origini e l’affermazione identitaria

“L’aria che tu respiri porta al tuo cuore un sangue più ricco. Più ricco di profumo di rose, di ronzio di api, di calore salutare che penetra nella terra inebriata di fecondità. Gioia dell’estate. Certezza dell’estate. Ecco che dal rogo sale la fiamma trionfante che illuminerà la notte fino all’ardente aurora del prossimo mattino. Lo stesso calore riscalda i nostri cuori. La stessa luce illumina i nostri occhi. La stessa volontà arde nei nostri cuori. La stessa speranza si infonde nei nostri spiriti. Gioia del fuoco. Certezza del fuoco. I germogli sono fioriti. Gli uccelli hanno cantato. Sale la grande fiamma di gioia. Salgono nel cielo d’Occidente le fiamme della speranza. Sale trionfante, dal più profondo del nostro essere, il sangue dei nostri antenati. La loro fede esaltante e generosa. Gioia della vita. Certezza della vita.” (Jean Favre)

Leggi tutto: Solstizio - Parte Prima: La Gioiosa Festa di Helios, di Maurizio Rossi