LA TRADIZIONE HERMETICA

Giuliano Kremmerz e la Schola Italica

SITO INDIPENDENTE DEDICATO ALLA RICERCA E ALLA CONOSCENZA DISINTERESSATE DELLA VERITA' INIZIATICA

LA TRADIZIONE HERMETICA

“La Scelta” – Gli Amanti o L’Innamorato dei Tarocchi di Pier Luca Pierini R.

Visite: 3987

L’Ara Baciata per Fenicia Fiamma
 porge e risorge Ala Corona d’Oro
del Caduceo Iridato degli Heroi
 vincitori di Shylene
(Haurazar)


Ci sono momenti in cui nella vita “iniziatica” o “profana” – ma poi, dove sta la differenza quando il percorso non è vissuto soltanto a livello di “hobby”? – si impone o si richiede una scelta. E’ questo che almeno a prima vista sembra suggerire l’immagine del sesto arcano  posta in copertina, Gli Amanti o L’Innamorato. Carta controversa, raffigurata negli esemplari più antichi, nella sua parte inferiore, in modo non sempre costante. In effetti, i soggetti rappresentati sono in genere un giovane uomo posto dinanzi alla scelta tra due donne che lo affiancano, ma troviamo interessanti varianti rappresentate da una singola coppia di innamorati (come ad esempio nel Trionfo d’Amore del Petrarca), oppure contornata da altri personaggi, o ancora assistita da un terzo soggetto che ne consacra l’unione.

Sappiamo bene peraltro che da Court de Gebelin (1775) in poi, per oltre due secoli, sono fiorite miriadi di interpretazioni, o tentativi di decodificazione, su questo come sulle altre affascinanti lame dei mitici tarocchi: Etteilla, Eliphas Levi, de Guaita, Papus, Mathers, Waite, Wirth, Crowley, Zanne, Kremmerz, fino alla contemporanea visione in chiave psicomagica di Jodorowsky, solo per citare alcuni dei nomi più illustri e rappresentativi di quanti, in vario modo, hanno contribuito nel tempo ad elevare queste settantotto immagini senza parole al rango di documento iniziatico, togliendole dal limbo riduttivo di semplice gioco di carte. Non sono altresì mancati altri tentativi, sovente oggettivamente forzati, tesi a ricondurne origini e significati simbolici a civiltà e tradizioni talvolta improbabili: dagli antichi Egizi, ai Cinesi, ai Greci, ai Latini, agli Arabi, ai Celti, agli Zingari e così via fino all’immancabile Atlantide, in un florilegio di analisi interpretative che si estendono dalle più elaborate e complesse esegesi cabalistiche, a immersioni azzardate nei mari più ostici dell’alchimia, a impegnative circumnavigazioni negli arcipelaghi incontaminati della magia (cerimoniale, divina, trasmutatoria ecc.), fino a viaggi immaginari nelle più alte sfere della fantasia, umana e non. Forse non a caso i tarocchi sono stati definiti, tra l’altro, “la macchina per immaginare”.

Leggi tutto: “La Scelta” – Gli Amanti o L’Innamorato dei Tarocchi di Pier Luca Pierini R.

Il Regno segreto: Fate, Druidi e altri misteri di Stefano Mayorca

Visite: 2855

Il canto del bosco sacro, degli alberi fatati, delle grandi foreste permeate di magiche assonanze si libra con echi sacrali tra querce e castagni, diffondendo il messaggio della Sacra Natura fra le dimensioni arcane, invisibili  agli occhi disincantati di coloro che privilegiano esclusivamente la materialità e non credono più nel Regno segreto. Nel silenzio interiore si risveglia quel mondo “proibito” dove tutto diviene possibile e ogni cosa si accende di Sacro. Il linguaggio dei segni, che cela la chiave d’accesso all’invisibile, corrisponde alla soglia nascosta che introduce alle realtà parallele. Così tra miti e leggende, fiabe e racconti rinveniamo, cercando con cura, frammenti di verità criptate che ci parlano di cose lontane, di storie sepolte tra le pieghe del tempo, dimenticate da chi non è più in grado di “immaginare”…

Leggi tutto: Il Regno segreto: Fate, Druidi e altri misteri di Stefano Mayorca

Recensione dell’opera IL SOLE ARCANO di Luca Valentini

Visite: 2822
Recensione dell’opera IL SOLE ARCANO a cura di Pier Luca Pierini
Edizioni Rebis 2011 Viareggio, pagg. 160, € 30.

Una delle nuove pubblicazioni delle Edizioni Rebis di Viareggio, curata dallo stimato amico Pier Luca Pierini, è un’opera di notevole importanza incentrata sulla figura del noto ermetista napoletano Ciro Formisano, in arte e dai più conosciuto come Giuliano Kremmerz. Con due appendici e una raccolta di fotografie originali e documenti interessanti, l’opera raccoglie una pertinente introduzione dell’Editore – Curatore, ed una serie di saggi d’approfondimento sia sulla vita, l’opera e l’insegnamento del Formisano sia sulla valenza e sulle vicissitudini della Myriam, la Scuola Iniziatica dallo stesso fondata e diretta, a cura di noti appartenenti ad essa o che con essa hanno avuto una vicinanza non solo ideale, ma anche rituale, quali A. Veniero, A. Aglisani, R. Ricciardelli e L. Petriccione. I saggi proposti, solo superficialmente, possono apparire come delle semplici biografie redatte da autori diversi, in circostanze e contesti diversi. In realtà, in ognuna di esse, si offre al lettore una visuale assolutamente originale ed insospettata dell’insegnamento ermetico del Kremmerz, che si espande ben al di là del semplice riferimento individuale. Controversie, riferimenti quotidiani e aneddoti permettono di accedere ad una dimensione che va ben oltre la semplice sfera personale. Infatti, riteniamo si debba apprezzare l’intuizione di Pier Luca Pierini di voler, attraverso i racconti sulla vita dell’ermetista di Portici, ridonare luce e libertà ad una consapevolezza sapienziale, che spesso si è vista oscurare da diatribe e personalismi che veramente poco hanno di autenticamente filosofico e che per nulla possono annoverarsi in continuità con un tale lascito iniziatico:”Contemporaneamente al ritratto dell’uomo si materializza poi, dapprima in modo impalpabile pur se evidente, e via via sempre più tangibilmente, la figura del mago, nel senso più ampio, aperto e caleidoscopico del termine. Figura straordinaria che va ben oltre l’ermetista intellettuale o teorico che traspare…”(p.7).
Leggi tutto: Recensione dell’opera IL SOLE ARCANO di Luca Valentini

LA MAGIA DEI SALMI di Pier Luca Pierini R.

Visite: 5372

"Elì Elì lama sabactani!", Queste parole, che tradotte corrispondono alla ben nota invocazione del Cristo morente: "Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" sono tratte dal meno noto salmo 22 e si riferiscono esattamente ai primi due versetti del medesimo. Il particolare assume un significato realmente importante, se consideriamo che il Messia sigilla con questa frase l'atto conclusivo della propria missione terrena. Nel momento in cui si compie l'estremo sacrificio, si rivolge al Padre nelle ultime parole di un appello che si fa preghiera. Recitando l'inizio di un salmo.
Forse oggi può sembrare persino paradossale, ma fino a non moltissimi anni orsono parlare di salmi suscitava spesso inquietanti interrogativi relativi al termine stesso. Certamente non per quanti potevano disporre di un pur minimo bagaglio culturale religioso o esoterico, ma per molti questa antica parola restava (e ancora sovente rimane) avvolta nel mistero dei vocaboli astrusi.
Ultimamente questa singolare lacuna pare notevolmente ridotta, grazie anche alla straordinaria diffusione di testi occultistici, conseguenza diretta della "moda" o "interesse" per il magico e il misterico dilagata in special modo negli ultimi decenni.
In pratica risulta assai difficile oggi trovare un libro di magia o scienze occulte - dalle ristampe dei classici alle opere dei moderni e dei contemporanei - nel quale non vi siano riferimenti diretti o indiretti all'azione o al significato esoterico dei salmi. E questo legame ha radici antiche.

Leggi tutto: LA MAGIA DEI SALMI di Pier Luca Pierini R.

DEL VITTO PITAGORICO di Giuseppe M.S.Ierace

Visite: 3231
L’atto del mangiare riveste certamente un significato davvero importante, soprattutto se inquadrato nell’ottica delle relazioni che gesti e comportamenti assumono all’interno di una rete di relazioni intessute nel telaio delle varie dimensioni: fisiologica e filosofica, religiosa e spirituale, ecologica e morale, psicologica ed etologica, con le inevitabili implicazioni nell’ambito dei diritti degli animali.
“Diventare vegetariano non è meramente un gesto simbolico. Non è neanche un tentativo di isolarsi dalle sgradevoli realtà del mondo, di mantenersi puri e senza responsabilità per la crudeltà e la carneficina che ci circondano. Diventare vegetariano è il passo più concreto ed efficace che si può compiere per porre fine tanto all’inflizione di sofferenze agli animali non umani quanto alla loro uccisione…- dichiara Peter Singer in “Liberazione Animale” (Net, Milano, 2003).

“Il vegetarianesimo – aggiunge- è una forma di boicottaggio…” nei confronti di quanti traggono profitto dall’indiscriminato sfruttamento industriale delle bestie, dall’impiego su larga scala dei metodi intensivi di allevamento, e dalla commercializzazione di carcasse e cadaveri sezionati, da predisporre alla soddisfazione dei futili desideri del palato. “Per rendere più efficace l’aspetto del boicottaggio del vegetarianesimo, non dobbiamo essere schivi sul nostro rifiuto di mangiar carne. Ai vegetariani nelle società onnivore si chiede sempre la ragione della loro strana dieta. Ciò può essere irritante, o addirittura imbarazzante, ma dà anche l’opportunità di informare la gente di crudeltà di cui può non essere consapevole” (Peter Singer). Tale forma di boicottaggio non sarà ovviamente in grado di riportare in vita l’animale già macellato, ma farà riflettere sul futuro di quelle condizioni che ci appariranno subito inaccettabili quanto la complicità o la responsabilità indiretta nel perpetuarsi di omicidi e stragi.

Leggi tutto: DEL VITTO PITAGORICO di Giuseppe M.S.Ierace