Giuliano Kremmerz

La Tradizione Hermetica

Area Riservata

Chi c'è online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

Articoli

3 marzo 2018: un giro in città insolito guidato dalle più celebri leggende popolari fiorentine. Non solo arte: storie, curiosità e aneddoti per scoprire sotto nuova luce alcuni dei luoghi e monumenti più noti della città di Firenze.
Luogo di incontro: Piazza San Giovanni, 1 (Loggia del Bigallo)
Costo della visita guidata: € 10,00 
Target: adulti
Per maggiori informazioni e prenotazioni obbligatorie:
http://www.abstrartfirenze.org/evento/leggende-fiorentine/
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
333 48 01 894

24 febbraio 2018: Passeggiata guidata.
Palazzi e monumenti di Firenze nascondono e svelano simboli e storie di arcane filosofie, di fantasiosi intrugli e di misteriosi personaggi. Una passeggiata insolita che, partendo dal “Pilastro della Sapienza”, ci porterà a scoprire dottrine care a uomini di potere e intellettuali fiorentini tra Medioevo e Rinascimento. 
Luogo di incontro: Piazza San Giovanni (presso il Campanile di Giotto)
Costo della visita guidata: € 10,00
Target: adulti
Informazioni e prenotazioni obbligatorie:
http://www.abstrartfirenze.org/evento/storie-alchimisti-negromanti/
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  
333 48 01 894

Il tema dell’inconscio e delle dinamiche scaturenti da una analisi profonda dell’essere nascosto, è stata al centro di una ricerca pittorica e visiva (film) che nasceva da un intimo desiderio volto a scandagliare i recessi remoti della mente e dell’anima. Stiamo parlando del “Surrealismo”, movimento culturale del Novecento la cui genesi vede la luce a Parigi negli anni 20. Principale teorico di tale corrente fu il poeta André Breton, influenzato in questa ricerca dal pensiero freudiano legato all’inconscio, ai sogni e al simbolismo onirico che ne deriva, formulato da Freud nel 1900.

È un dato storicamente acclarato che alla sua morte verificatasi il 5 maggio del 1930, Giuliano Kremmerz non abbia lasciato mandato alcuno per la prosecuzione della propria Schola iniziatica. Perciò, tutti i tentativi messi in atto al fine di perpetuarne gli insegnamenti, rappresentano iniziative personali - nobili e meno nobili - che  mostrano relativi addentellati con i reali intendimenti del Mago di Portici. Coloro che affermano il contrario, o sono cattivi conoscitori delle vicende storiche della S.P.H.C.I., oppure aderiscono ad una visione tesa ad evocare fantasmagorie afilologiche che, in quanto tali, appartengono al ‘visionarismo’ della magia, per altro lontanissimo dagli intenti di chi scrive. Nella celebre lettera del 1929 indirizzata al prof. Ercole Quadrelli, il Kremmerz auspicava, del resto, una profonda riforma della Myriam che transitasse per una ricostruzione, in senso pitagorico, delle accademie. Il Maestro dovette verosimilmente profondmente meditare sull’insuccesso di una scuola esoterica, il cui ingresso ai gradi inferiori poteva essere garantita a tutti.