Articoli

I MISTERI DELLE CATTEDRALI, DI STEFANO MAYORCA

Visite: 117

cattedrali 1Nel cuore dei luoghi cultuali, deputati a racchiudere le coordinate celesti di una simbologia remota, è celato un messaggio dalle connotazioni universali, mosaico infinito le cui tessere disperse devono essere ricomposte e assemblate alfine di ricreare il quadro originario, il volto rifulgente del Sole Sapienziale. In tal modo, quel che era andato disperso (Solve) potrà essere nuovamente riunito (Coagula) e la Tradizione, il Verbo di Luce, preservata dalle ingiurie della profanità corrompente.

Cattedrale deriva dal latino cathedra: cattedra, e si riferisce all’antico sedile greco con schienale, privo di braccioli. Nel Medioevo assume connotazioni di grande potere e prestigio, la Cattedra, infatti, rappresentava il seggio del vescovo, collocato a ridosso della cavità absidale. Il significato autentico però è da ricercare in un ambito meno effimero, la cui identità è ravvisabile nel trascendente, nella dimensione dell’Invisibile, alla quale la cattedrale appartiene.

Leggi tutto: I MISTERI DELLE CATTEDRALI, DI STEFANO MAYORCA

L’EQUINOZIO DI MITHRA – MIKAEL ED IL MERCURIO, DI MARZIANO CAPELLA – LUCA VALENTINI

Visite: 157

valentini equinozio 1a“Beato chi scende sotterra

Dopo veduti i Misteri 

il fin della vita ei conosce

conosce il principio sancito dai Numi” (1)

L’Equinozio d’Autunno ricopre un’importanza capitale nell’ambito dello sviluppo ciclico del cosmo, segnando il momento critico in cui la luce manifesta viene progressivamente limitata e ridotta rispetto all’avanzare dell’oscurità, così, come, in maniera speculare, il corrispondente periodo primaverile sancisce il rinnovato primato del chiarore aurorale rispetto al crepuscolo. Se dovessimo instaurare un’analogia tra l’anno ed il giorno, potremmo evidenziare come la primavera è correlata con l’alba, quanto l’autunno al tramonto. Tale corrispondenza è, però, valida nell’ambito naturale e di una ritmicità connessa con ciò che è manifesto. Quale il rapporto del microcosmo, specificatamente umano, rispetto a tali riferimenti macrocosmici? Come ci insegna Alfredo Cattabiani, l’equinozio d’autunno in realtà costituisce una fase di equilibrio tra la dimensione solare e quella ctonia, non casualmente sotto la tutela astrologica della Libra, della Bilancia, in cui il rapporto tra luce ed ombra, anagogicamente e spiritualmente, trova la propria autentica profondità nell’inversione del simbolismo naturale:

Leggi tutto: L’EQUINOZIO DI MITHRA – MIKAEL ED IL MERCURIO, DI MARZIANO CAPELLA – LUCA VALENTINI

ARS REGIA – INTERVISTA A PAOLO LUCARELLI SULL’ALCHIMIA

Visite: 103

lucarelli 1Paolo Lucarelli, torinese, é nato nel 1940 e deceduto il 13 Luglio 2005. Studioso della tradizione alchemica ed ermetica, ha collaborato a molte riviste di studi esoterici e tradizionali ed ha tradotto opere di autori alchemici. Ha curato, per le edizioni Mediterranee, la Biblioteca Ermerica (tra le tante perle, la traduzione, l`introduzione e il commento della Turba dei Filosofi di Arisleo). Ha accettato con cortesia di rispondere ad alcune domande sulla natura e sulla sopravvivenza di quell`antica e nobilissima tradizione spirituale.

IL SUO INCONTRO CON LA TRADIZIONE ERMETICA?

Quando ero bambino, ebbi una malattia molto seria e per quasi due anni rimasi praticamente confinato in casa. Fortunatamente guarii, ma – durante i lunghi periodi di immobilità, e per vincere la noia – cominciai a leggere tutto quanto trovavo a portata di mano. Mi imbattei in cose molto strane: magia, saghe nibelungiche, temi vicini all’occultismo, e andai avanti nelle letture e nello studio in modo molto casuale. Mi interessavano particolarmente l’astrologia e la magia, tematiche – direi – quasi più “normali”, nel senso che sono quelle di cui si legge maggiormente.

Leggi tutto: ARS REGIA – INTERVISTA A PAOLO LUCARELLI SULL’ALCHIMIA

PAROLE MUTE PER...SGUARDI DISTRATTI, di Denise de Giulio

Visite: 263

illusione art. 2

Riflessioni sulle forme di iniziazione – la dimensione spirituale - I Riti - Kremmerz

 "Fu così che perduto il Tao venne poi la virtù, perduta la virtù venne poi la carità, perduta la carità venne poi la giustizia, perduta la giustizia venne poi il rito: il rito è labilità della lealtà e della sincerità e foriero di disordine. Chi per primo conosce è fior nel Tao e principio di ignoranza. Per questo l'uomo grande resta in ciò che è solido e non si sofferma in ciò che è labile, resta nel frutto e non si sofferma nel fiore. Perciò respinge l'uno e preferisce l'altro". (Lao-Tzu)

All'interno della letteratura ermetica la fisiologia occulta dell'uomo è stata generalmente suddivisa in corpo fisico, animico e spirituale o anche in saturnio, lunare, mercuriale e solare. In questa sede faremo riferimento ad una ripartizione tutta orientata a comprendere l'essenza del rituale teurgico.

Leggi tutto: PAROLE MUTE PER...SGUARDI DISTRATTI, di Denise de Giulio