Articoli

DIALOGO CON LA LUNA: LA VIA DEL GUERRIERO SPIRITUALE di Stefano Mayorca

Visite: 3389

Come sospinto da una mano invisibile, un ultimo raggio di Sole si insinua nel mio studio. Il cielo al tramonto rosseggia tingendosi d’arancio. Quel raggio, superstite di una luce che svanisce al crepuscolo, simile ad un dardo infuocato si muove guizzando, quasi fosse guidato da un’intelligenza misteriosa, anzi, quasi fosse lui stesso dotato di intelletto. Rischiara i libri e le carte che giacciono inerti sulla mia scrivania, crea giochi di luce e rifulge come una piccola stella che brilla nella penombra. Silenzioso descrive strane geometrie poi, così come era apparso si estingue, mentre fuori tutto è inondato d’azzurro e una sottile falce di Luna si affaccia nel firmamento. L’aroma dell’incenso permea ogni angolo della stanza e i residui di fumo, ballerini di una danza segreta, si contorcono al suono di una melodia arcana descrivendo forme impossibili. La mia mente, sgombra da ogni pensiero, fluttua nel nulla e l’energia sprigionata dal rito satura l’ambiente, permea ogni centimetro del mio essere. Ora non appartengo a me stesso, sono fuso con ogni espressione di vita, sono parte del Tutto, staccato dalle miserie della natura inferiore e immerso in una dimensione più alta. Affrancato dalla materia, dalle banalità quotidiane, percepisco realtà elevate, barlumi sfuggenti di regni di Luce… Vorrei che questo stato di grazia non avesse mai fine, che si fissasse in un istante infinito. Ma, poco a poco, i “sensi comuni” si risvegliano e la parte materiale reclama il suo dominio, l’archetipo femmineo, nella sua accezione più terrena si desta di nuovo e il “miracolo” della “luccicanza” - il mistero di cose invisibili - si affievolisce riportandomi nello stato di coscienza normale. Adesso mi sento solo, una profonda ed abissale solitudine, un vuoto che mi fa percepire la mia estraneità dalle orde profane, dalla ragione volgare. E’ notte, la luce di Selene invade l’ambiente, riflessa dai vetri promana un tenue chiarore e incanta con riverberi d’argento. Il silenzio è totale, reso meno intenso dal suono dei miei pensieri, dal mio dialogo interiore con la Luna, la pallida Signora amante di sempre… Contemplo il volto di chi amo, tenera visione nell’oscurità, mentre dorme e sogna, sospesa tra luce e ombra, tra Terra e Cielo, e mi sento impotente poiché vorrei trascendere tutte le leggi dell’Universo e regalarle l’eternità, perché vorrei donarle una parte della mia forza, quella forza che mi ha sostenuto nei momenti terribili del mio vissuto. Quel potere volitivo che mi spinge ad andare avanti, che mi esorta a cercare, a non farmi fagocitare da una realtà che spesso non rispecchia le mie intime aspirazioni e dai problemi, che mi dice di spingermi oltre i confini delle mie possibilità. Vorrei renderla partecipe delle mie debolezze e della mia fragilità, perché anche un iniziato è fragile. Sì. Anche un iniziato è preda delle paure, dell’ignoto che incombe, del mondo impazzito e mediocre. E ha bisogno d’affetto, di un amore senza limiti, esente da qualunque effimera caducità. L’angoscia gradualmente si dirada e la forza torna a sorreggermi. Penso agli amici di Elixir, e un sentimento d’unione si fa strada nel mio cuore e mi lega a questi fratelli di un cammino già noto. Percorro la Via del Guerriero Spirituale che non è un superuomo, ma un uomo con un punto di vista diverso rispetto alla consuetudine di chi non è un risvegliato, e che persegue un ideale luminoso, che lotta contro il buio che è celato in lui, espressione del lato oscuro della Luce. Egli si sacrifica per affermare le sue idee, per difendere ciò che è Sacro e puro dalle contaminazioni di forze profane e ottenebranti.

Leggi tutto: DIALOGO CON LA LUNA: LA VIA DEL GUERRIERO SPIRITUALE di Stefano Mayorca

SOLSTIZIO E INIZIAZIONE di Pier Luca Pierini R.

Visite: 3488

Il solstizio d’inverno corrisponde a un evento importante, il cui valore astronomico, simbolico e sacrale coincide con la “nascita”, o “rinascita” del sole, dopo la lunga fase discendente, o “calante”, cominciata con il solstizio d’estate. Si tratta quindi del punto d’inizio della fase ascendente del sole nel cielo esteriore e interiore, di un rinnovato “initium” che non solo per assonanza può indurci a riflettere sul tema e sui significati più ampi dell’iniziazione. O meglio ancora, della ricerca dell’iniziazione, di quel corpus o complesso di elementi dottrinali o sapienziali e rivelazioni, o più semplicemente di insegnamenti, che unitamente alle componenti operative o pratiche costituisce la chiave d’accesso al significato esoterico di realtà velate, al sacro, al misterico e all’arcano, alla conoscenza diretta di una dimensione precedentemente ignota, o appena sfiorata. In questo senso, il pontifex - il quinto arcano dei tarocchi riprodotto sulla copertina di questo quinto numero di Elixir - può rappresentare l’immagine del mediatore tra il visibile e l’invisibile, di colui che può incarnare sia un’entità fisica sia un’Idea impersonale e che esprime una realizzazione possibile su vari piani, in grado di stabilire un ponte tra il mondo exoterico e l’esoterico, tra il visibile e l’invisibile, tra l’umano e il divino.

Iniziazione, in termini molto semplici, è il passaggio da una condizione di non-conoscenza a un primo livello di conoscenza, il che non significa automaticamente e semplicisticamente apprendimento. Un individuo capace di leggere la musica, rispetto a chi non la comprende, può essere considerato per certi aspetti e nel settore specifico un “iniziato”, che progredendo può imparare a suonare uno o più strumenti e, se costante, dotato di talento e di quel pizzico di fortuna, sempre necessaria, evolvere ulteriormente e diventare infine un maestro. Alcuni soggetti straordinari, forse predestinati, raggiungono infine il genio e l’immortalità. L’esempio è valido, almeno in parte, anche per il ricercatore ermetico, ma è facile obiettare che mentre per la musica o altre nobili discipline dell’arte e dello scibile esistono scuole accreditate e validi maestri, riconosciuti tali dal mondo accademico e dalla critica ufficiali, altrettanto non può dirsi, utilizzando gli stessi parametri, per la scienza e l’arte dell’Arcano. L’occulto è tale per definizione, e in un’epoca in cui tutto è disponibile per tutti, sembra impossibile che non esista un mezzo per conseguire in breve tempo e magari a buon mercato la tanto agognata iniziazione, questa “anacronistica” araba fenice che per fortuna possiamo ancora considerare tra i rarissimi valori che ancora resistono incontaminati al culto dilagante della contraffazione sistematica, all’azione erosiva di dittature consumistiche, di spiritualismi contingenti e di mode o tendenze culturali.

Leggi tutto: SOLSTIZIO E INIZIAZIONE di Pier Luca Pierini R.

LA VERITA’ SU KREMMERZ – FINE DI UN MITO?...

Visite: 5514

Nei mesi precedenti e soprattutto ultimamente abbiamo ricevuto numerosi messaggi, che ci invitano a pubblicare testimonianze e testi critici che possano integrare e inserire in un’ottica maggiormente obiettiva l’immagine storica e iniziatica del Kremmerz, dando spazio e voce anche a chi dissente su quanto fino a oggi è stato scritto e raccontato sul personaggio.
In particolare, ringraziamo il dr. G.M.D. di Torino (e-mail firmata) per averci inviato un lunghissimo articolo, dal titolo “Giuliano Kremmerz: tutta la Verità – Fine o caduta di un Mito?” con una serie di allegati riguardanti principalmente una discussione molto seguita, animatasi su internet, e finale richiesta di pubblicazione, che abbiamo preso in considerazione non solo perché correttamente firmato ma anche perché riesce a riassumere il senso e le richieste della maggior parte dei messaggi ricevuti.

Leggi tutto: LA VERITA’ SU KREMMERZ – FINE DI UN MITO?...

ARTE ED ERMETISMO - Stefano Mayorca

Visite: 3593

Alchimia cromatica e magistero pittorico tra arte, colore e magia

Conferenza a cura di Stefano Mayorca


Sabato 1 Dicembre

Ore 17:30 / Ingresso Libero

SPAZIO INTERIORE
Via Vincenzo Coronelli, 46
00176 Roma

Quali sono le potenzialità evolutive dell’arte?

Qual è il potere del colore? Cosa si nasconde dietro ad un’opera d’arte esoterica? Dentro l’animo, nell’Io profondo dell’Uomo, prende forma l’incontro tra Arte e Ermetismo, fondamenta della Creazione. Fin dai tempi più antichi la pittura e il colore hanno avuto grande importanza nella Magia e nell’Alchimia: attraverso le potenzialità di trasmutazione del colore è possibile fissare sulla tela quello che è nascosto nell’inconscio.

Magia e colore, arte ed ermetismo sono elementi indissolubili che incarnano la capacità dell’essere umano evoluto di dare vita a mondi, universi e dimensioni posti oltre i confini del tempo e dello spazio,al di là del Tutto.

STEFANO MAYORCA

Scrittore e giornalista, nato il 7 marzo 1958 a Roma, dove vive e lavora, è considerato tra i maggiori esperti
di simboli, miti e filosofie occulte. Sperimentatore alchimico, studioso di ermetismo, religioni antiche e culti misterici, è preside dell’Accademia Romana Kremmerziana La Porta Ermetica (www.arkpe.it).

Ospite di trasmissioni televisive Rai e Mediaset, collabora con numerose riviste di settore e tiene la rubrica
Opus Hermetica sulla web radio Keltoi Radio.

stefano_mayorca_1_12.jpg

PAN, IL GRANDE DIO di Claudio Arrigoni

Visite: 5756

Intelligenza maschia e Spirito della natura, Dio dei Boschi, Arcade, Fugatore dei Titani, Signore degli animali, Ministro della Gran Madre figlio di Hermes, caro a Dioniso, liberatore di Zeus.
Eccelso nel suono del flauto, amante delle ninfe e Nume silenzioso degli spiriti oracolari della Natura, Danzante, Capride dalle corna velate di corone di pino, Dio dei pastori, coperto del manto di daino, Colui che porta lo scudo di Dioniso nella sua marcia verso l’India.
Onorato con la Dea Nike. Voce di Eco, tumultuoso mormorio del vento, amante sublime della pulcrissima velata Diana.
Capro solitario, Dio delle streghe e della profezia, Forza possente generatrice della Natura e suscitatore della fiamma dell’Eros, Egipan, Verde Drago delle foreste che veglia terribile sui regni fatati di Flora e Fauna, Canto immortale di Numi vita imperitura.
Volontà sacra, Libro d vino della parola. Conchiglia delle sibille del Dio Ptah.

 

Tra i figli di Hermes si annoverava anche il grande Dio fallico del Peloponneso e in particolare dell’Arcadia, Dio provvisto di corna e dalle zampe di caprone dal nome Pan. Mentre Hermes pascolava le pecore di un mortale in Arcadia, si innamorò della ninfa Driope. Dalla loro unione nacque un bambino prodigioso con corna e piedi di capra, molto chiassoso e allegro. Così è descritto l’evento nel tono giocoso dell’arcaico Inno a Hermes di Omero:
« Raccontano come una volta (Hermes) venne in Arcadia, irrigua di fonti, nutrice di greggi… e qui, sebbene iddio pascolava le greggi villose presso un mortale; ché colto lo aveva una languida brama di Driope chioma bella, di giungersi seco in amore. E furono compiute le floride nozze, ed un figlio caro ad Ermete nacque che parve un prodigio a vederlo, bicorne, piè di capra, di strepiti vago e di riso. Balzò su, fuggì via la nutrice lasciando il bambino, ché sbigottì vedendo l’aspetto spiacente e la barba; ma lo raccolse Ermete, benevolo Nume da terra, lo prese fra le braccia, col cuore di gioia  ricolmo. Ed alle sedi ascese dei Numi, tenendo il bambino nascosto entro la pelle villosa di lepre montana. E presse Giove sedé, presso gli altri Beati di Olimpo, e il figlio suo mostrò: tutti quanti ne furono lieti i Numi… (Inno Omerico a Pan, vv 29 e sgg.) ».
Altre diverse genealogie lo vogliono invece figlio di Crono e di Rea; quindi più vecchio di Hermes, di Dioniso, di Apollo; fratello di Zeus e del centauro Chirone. Una tale genealogia spiegherebbe meglio perché  nel V secolo il Dio Pan venisse associato nel culto al Gran Madre Rea, come testimoniano questi versi di Pindaro, suo particolare devoto: « Ben io pregar voglio la Madre che presso il vestibolo della mia casa le vergini invocano, Dea veneranda insieme con Pan. » (Pindaro, Pitica III, vv 77 e sgg.).
Oltre questo aspetto tuttavia il Dio era considerato divinità temibile e invocato per secoli con paurosa riverenza: “Invoco il possente e selvaggio Pan… vieni… e i panici terrori disperdi al confine del mondo” (Inno Orfico a Pan, XI, vv 1 e 21). Divinità arcana può suscitare dalle zone più profonde dell’astrale umano misteriosi terrori: il timore « panico ». A lui, Dio musico, è sacro il silenzio misterioso delle ore meridiane nelle quali, non visto, in altezze inaccessibili, canta e danza lontano dagli uomini, o riposa da solo.

Leggi tutto: PAN, IL GRANDE DIO di Claudio Arrigoni