LA TRADIZIONE HERMETICA

Giuliano Kremmerz e la Schola Italica

SITO INDIPENDENTE DEDICATO ALLA RICERCA E ALLA CONOSCENZA DISINTERESSATE DELLA VERITA' INIZIATICA

LA TRADIZIONE HERMETICA

Politica Romana n. 11

Visite: 572

Politica Romana è una rivista nata nel 1994 grazie ai suoi fondatori Piero Fenili e Marco Baistrocchi, che intendeva, sin dai suoi esordi, indagare sia gli ambiti arcaici della Tradizione di Roma sia la dimensione sacrale del mondo italico – mediterraneo, con uno sguardo particolare al Pitagorismo, come si evince dal suo primo editoriale. Altro ambito importante e correlato a quello antico è quello dell’Ermetismo, quale sofia interna della Tradizione Classica, e nelle sue declinazioni nilensi e partenopee, con una particolare attenzione alla scuola terapeutica di Myriam del magista di Portici Giuliano Kremmerz. Con questo numero 11, dopo la dipartita dei suoi fondatori, la Redazione composta da Ivan Dalla Rosa, Cristian Guzzo e Luca Valentini – a cui Piero Fenili ha affidato ancora in vita il compito di perpetuarne la pubblicazione - intende inaugurare un nuovo corso in piena continuità ideale e culturale con gli intendimenti sacrali che hanno reso Politica Romana un punto di riferimento imprescindibile nell’ambito degli studi tradizionali, romanologici ed ermetici. Come era volere di Piero Fenili, maggiore spazio sarà concesso alle competenze di importanti accademici, come Pietro Mander e Marcello De Martino, che in questo numero impreziosiscono un volume dalla grande valenza ermeneutica.

Leggi tutto: Politica Romana n. 11

La purificazione ermetica secondo i testi egizi e classici – Federico D’Andrea

Visite: 712

La purificazione ermetica secondo i testi egizi e classici – Federico D’Andrea
Nella tradizione ermetica e nella Schola Kremmerziana la purificazione è la chiave per poter accedere a stati d’essere, a livelli di pensiero, diversi da quelli legati a stati fisici e puramente emotivi. Lo stato ermetico si acquisisce solo dopo una purificazione profonda dell’anima. Ma l’anima non deve essere intesa come qualcosa di vago. Kremmerz scrive: “Il problema del di là non sarà risolto che solo da coloro che arriveranno a conoscere se stessi, cioè la struttura e l’anatomia e la chimica dell’anima propria” (Introduzione alla Scienza Ermetica – Ed. Mediterranee – p. 20). Quindi l’anima come qualcosa di concreto, da studiarsi scientificamente, in modo nettamente diverso dalla psicologia parolaia e dalle virtù morali. Continua il Kremmerz: “Il secreto, il gran secreto dei sacerdoti, era la conoscenza di leggi dell’animo umano, per le quali arrivavano a conquistare poteri meravigliosi che sembravano favole e non sono tali. […] Perché questa conoscenza dell’anima diventi veramente e strettamente scientifica, si devono studiare le leggi che la regolano e la preparano nelle sue produzioni di fenomeni” (Introduzione alla Scienza Ermetica, cit., p. 22 – 23).

 

 

Leggi tutto: La purificazione ermetica secondo i testi egizi e classici – Federico D’Andrea

Sull’Ariete ermetico: il trionfo primaverile – Luca Valentini

Visite: 722

 

E’ un Re coronato di gloria che prende origine nel fuoco,

che si compiace dell’unione con la sposa che gli è data:

è questa unione che rende manifesto quanto era prima nascosto “ (1)

 

Nella giornata di lunedì 20 Marzo 2023, alle ore 22.24 (21.24 UTC +1), astronomicamente si accederà ad una novella stagione tramite l’Equinozio di Primavera, manifestandosi una diretta continuità, una connessione sacrale e magica tra l’umana esistenza, non considerata nel suo aspetto meramente materialistico e moderno, e la Natura coi propri ritmi interni, le proprie fasi discendenti ed ascendenti, come il ritmo annuale delle stagioni, in cui vi sono morti e resurrezioni, ed i cicli del Cosmo, come sono rappresentati in forme diverse nei vari mitologhemi di arcaica memoria.

Leggi tutto: Sull’Ariete ermetico: il trionfo primaverile – Luca Valentini

Giordano Bruno, un eretico alla corte di Rodolfo II – Mauro Ruggiero

Visite: 717

 

Il 17 febbraio dell’Anno Santo 1600, una piccola corte di persone partì dalle carceri di Tor di Nona, sul Lungotevere, in direzione di Campo dei Fiori, scortando un uomo condannato dalla Congregazione della Sacra Romana e Universale Inquisizione, a morire sul rogo a causa delle sue idee giudicate avverse alla vera dottrina della santa fede cattolica. Quest’uomo era Giordano Bruno, al secolo Filippo, nato a Nola nel 1548; libero pensatore ed eretico errante: scrittore, filosofo e mago la cui mente è stata tra le più brillanti e illuminate dell’Europa del XVI secolo. Con in bocca una mordacchia per impedirgli di parlare, fu spogliato e legato ad un palo e successivamente venne bruciato vivo con la speranza che, insieme alla sua carne, bruciasse anche il suo pensiero che nei secoli successivi avrebbe invece valicato frontiere geografiche e temporali e avrebbe fatto di Bruno il simbolo eterno di tutti gli uomini liberi oppressi dal potere. Quando l’8 febbraio dello stesso anno, nella casa del Cardinale Madruzzo, Bruno fu costretto ad ascoltare inginocchiato la sentenza di condanna a morte; egli non abiurò né si sottomise all’autorità religiosa “preferendo morte coraggiosa a vita pusillanime”. Secondo alcuni testimoni, il filosofo si alzò in piedi e indirizzò ai suoi carnefici la storica frase: «Forse tremate più voi nel pronunciare questa sentenza che io nell’ascoltarla».

 

Leggi tutto: Giordano Bruno, un eretico alla corte di Rodolfo II – Mauro Ruggiero